La reazione agli stimoli

La reazione agli stimoli: Allenamento tipo –  categoria Esordienti

Foto: cortesia http://www.ussportscamps.com

Entro in campo, i ragazzi mi guardano ma non dicono nulla. Sono perplessi. Lo vedo chiaramente.

Dopo 15 minuti Marco mi dice: «Coach, hai indossato la maglietta al contrario».

Sorrido e chiedo:

– «vi sieti accorti solo ora? Perchè non me lo avete detto subito?»

– coralmente: « Nooo… ci siamo accorti subito, non volevamo dirtelo per non metterti a disagio»

– la mia risposta era già preparata: «ragazzi… siamo una squadra. Quando io sbaglio qualche cosa ho bisogno che qualcuno me lo dica, esattamente come lo volete voi»


OBIETTIVO: Capacità di reazione ad uno stimolo uditivo:

1) Liberi per il campo senza palla, al segnale

  • cambio di direzione
  • cambio di senso
  • salto e cambio di senso
  • giro
  • scivolamenti

OBIETTIVO: Capacità di reazione ad uno stimolo visivo:

2) A coppie, senza palla, un giocatore si muove liberamente mentre l’altro lo imita

OBIETTIVO: Strutturazione spazio-temporale, lateralizzazione, reazione ad uno stimolo:

3) Idem come sopra ma con la palla

OBIETTIVO: Controllo del corpo, capacità senso-percettive, rapidità di esecuzione:

4) Palleggio libero per il campo, al segnale arresto, ball-handling (otto fra le gambe, girare la palla intorno ai fianchi etc…) e ripartire in palleggio.

OBIETTIVO: Lateralizzazione

5) A coppie, un pallone ciascuno, palleggiare e:

  • portarsi via la palla
  • toccarsi la schiena
  • toccarsi il ginocchio
  • slacciarsi le stringhe

OBIETTIVO: Percezione del tempo e dello spazio, combinazione di due fondamentali:

6) Due file a metà campo, un pallone ciascuno, partenza in palleggio, arrivare sotto canestro, palleggio in arretramento, cambio di mano e tiro a canestro. (Dgr. 1)

Dgr. 1

OBIETTIVO: Prima, dopo, contemporaneo: timing tra chi riceve e chi passa; scelta del tipo di passaggio; visione periferica:

7) Due file a metà campo, un pallone ciascuno, palleggio fino all’altezza del tiro libero, cambio di mano e di direzione, arresto, passaggio al compagno, ricezione, palleggio arresto e tiro a canestro. (Dgr2)

Dgr. 2

OBIETTIVO: Orientamento del corpo nello spazio, equilibrio:

8) Palleggiare verso l’istruttore, toccare la mano, giro dorsale ed entrata a canestro: (Dgr. 3)

Dgr. 3

OBIETTIVO: Risposta ad uno stimolo esterno, capacità di adattamento e trasformazione del mezzo:

9) I primi due di ogni fila palleggiano fino al cerchio di metà campo, cercano di rubarsi la palla e, al segnale, concludono a canestro. (dgr. 4)

Dgr. 4

10) Giocatori in fila, al via palleggiano seguendo il primo: quando il capo fila tira a canestro recupera la palla e va in coda

11) A terzetti con un pallone ciascuno, passarsi la palla,

12) Gioco del vigile: l’istruttore indica le direzioni proibite. (Dgr. 5)

Dgr. 5

OBIETTIVO: Scelta del passaggio o del palleggio:

13) Tic tac a 2 con i due difensori nei cerchi che cercano di intercettare i passaggi. (Dgr 6)

Dgr. 6

14) A coppie, passarsi la palla con un difensore nel mezzo. Chi riceve può spostarsi per migliorare l’angolo di passaggio.

15) 3 contro 3 a metà campo in forma libera


Fine allenamento, entro nello spogliatoio per salutare e scambiare le ultime battute.

Marco: «Coach, non ti accorgi di nulla?»

Io: «No, di cosa dovrei accorgermi?»

Marco: «Coach, ho messo la maglietta al contrario…»

Grande !!!!

Penso che ci sarà da divertirsi con questo gruppo.

Roberto Cecchini

Autore: Roberto

Allenatore Nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *